Una questione di genere, ovvero sull'uso della parola bambino

Bambino, Bambini, Ragazzo, Ragazzi: nella pubblicazione scaricabile da questo sito l’uso del singolare e plurale maschile comprende il bambino, la bambina, il ragazzo e la ragazza nella loro accezione di infanzia per i primi e di adolescenza per i secondi, senza specifico riferimento al sesso maschile, salvo che sia diversamente specificato. Purtroppo, la lingua italiana impone una scelta e l'autore vorrebbe tanto che fosse disponibile un sostantivo unico per indicare tutte le persone che vivono infanzia e adolescenza. Purtroppo, non esiste ancora.